News

 
Gli italiani vogliono case più ecologiche e più tecnologiche: è quanto emerso dalle ricerche di Compass e dai sondaggi di Habitissimo.
 
Ad aprile è uscita la nuova edizione dell’Osservatorio Compass, documento che unisce i dati ottenuti da centinaia di interviste telefoniche e quelli forniti dal Crif. Focus di quest’anno sono la casa e il settore dell’arredamento, con le principali caratteristiche e tendenze del settore.
 
Secondo la ricerca, circa tre quarti (75%) delle abitazioni degli italiani sono case di proprietà, mentre meno di un quarto (21%) è in affitto (avanza un 4%, che è stato classificato sotto la voce “Altro”). Oltre il 60% degli italiani è soddisfatto della propria casa, vista come «un rifugio dalla frenesia e dallo stress della vita quotidiana»; più di un terzo degli intervistati (35%), comunque, dichiara che la propria abitazione avrebbe bisogno di un intervento di ristrutturazione.
 
Ma quale tipo di intervento?
Secondo i sondaggi condotti da Habitissimo, i lavori di ristrutturazione riguarderebbero per la maggior parte l’aumento dell’efficienza energetica delle abitazioni e il miglioramento delle funzionalità. Non solo: di recente sono aumentate anche le richieste per l’integrazione di tecnologie intelligenti (smart home e domotica in primis) e l’ecosostenibilità.
 
Insomma, pare che negli anni sia aumentato il numero di italiani interessati a un tipo molto preciso di abitazione, la casa intelligente che rispetta l’ambiente. Bisogna ricordare tuttavia che home automation e risparmio energetico non vanno necessariamente a braccetto: la speranza è che sempre più produttori di dispositivi per smart home vadano alla ricerca di un equilibrio tra prestazioni e impatto sull’ambiente.
 
Inviami un'e-mail quando le persone lasciano commenti –

Per aggiungere dei commenti, devi essere membro di CollEngWorld!

Join CollEngWorld